V.I.Pens
Nicky Wells
  
Ilenia Trifiletti
  
Ester Struzzola
  
Lara Luppi
  
Antonella Aprea

Eroine, Wonder women in carne ed ossa, donne con la D Maiuscola!

Eroine, Wonder women in carne ed ossa, donne con la D Maiuscola!

Il personaggio di Wonder Woman è stato creato da uno psicologo (e fumettista) statunitense.

Diana Prince (o Wonder Woman) ha sicuramente una forte carica sensuale ma, tra le motivazioni della sua creazione c’è sicuramente anche la forte voglia di trovare una musa.

Nonostante la musa storicamente sia una divinità legata alla religione greca, in quanto rappresentante suprema dell’ Arte, può anche essere identificata nell’immagine del bello assoluto.

Non sono solo i maschietti ad avere muse ed apprezzare il bello.

Tutte noi abbiamo una musa, o eroina.

E chi l’ha detto che l’eroina “tipo” deve essere un personaggio fumettato?

Ognuna di noi si identifica o si ispira in una figura femminile che ritiene forte, bella, carismatica e… con le palle.

Nel campo della moda un’eroina degna di nota potrebbe essere Coco Chanel.

Coco Chanel, Gabrielle Bonheur Chanel, è stata una grande stilista francese che tramite la sua attività ha rivoluzionato il concetto di femminilità esponendosi come figura fondamentale dell fashion design e della cultura del XX secolo.

Tutt’oggi il nome Chanel è così prorompente che non serve nemmeno guardarla la sfilata, ci si fida.

E’ sinonimo di classe, eleganza e determinazione femminile come figura indipendente e lavoratrice.

Chanel ha lanciato il taglio corto negli anni 20’, prediligeva la comodità come parola chiave dei suoi capi ma contemporaneamente debuttava cona la petite robe noire, nota come il tubino nero – mush have dell’armadio di ogni donna che si rispetti -.

Chanel è stata anche una grande rivoluzionaria nel mondo del marketing.

Per il lancio di Chanel n.5 decise di diffondere la fragranza durante le sue presentazioni alle quali si poteva partecipare solo su invito. Ad ogni incontro ufficiale le donne dell’alta borghesia venivano letteralmente ammaliate dal profumo che però non era in vendita. Si sa, l’attesa aumenta il desiderio e questo ha portato ad una richiesta prorompente. Non serviva altra pubblicità.

Questo è quello che accade anche oggi nei punti vendita di grosse aziende di fast fashion (per uomo e donna) , ma senza lo stesso buon gusto.

Nel mondo della musica, una grande eroina, considerata la prima cantante donna ad essersi dedicata alla musica rock’n’roll e ricordata oggi come The First Lady of Rockabilly è senz’altro Wanda Jackson.

Wanda Wonder Jackson è cantante, cantautrice, pianista e chitarrista americana ed è una pioniera del r’n’r e del country mescolandoli insieme in rapido movimento. Spesso i suoi dischi vedevano un lato country ed un lato rockabilly.

Nel 2009 è stata introdotta nella Rock and Roll of Fame come Early Influence e solo nel marzo del 2019 ha annunciato il suo ritiro ufficiale dalle esibizioni.

Questa donna, ragazze, ha condiviso il palco con Mr Elvis Presley (e si vocifera anche di un breve flirt tra i due nel 1955, il che potrebbe bastare per renderla un’eroina per tutte noi!).

A fine degli anni 50’ “Fujiyama Mama” diventa numero 1 in Giappone e nel 1960 “Let’s Have a Party” entra nella Top 40, nonostante Presley l’aveva registrata ben tre anni prima.

Tra i vari riconoscimenti e premi va ricordato che la Jackson si è classificata al 35° posto nello speciale della CMT : “Le 40 più grandi donne della musica country” e nel 2016 ha ricevuto “Founder of the Sound” agli Ameripolitan Music Awards.

E, se ci piace sognare, la principessa Diana è stata la musa ideale.

Diana Frances Spencer, o Lady Diana, una donna discreta e riservata con un grande impegno sociale. Diana divenne madrina di un numero sempre maggiore di enti di beneficenza nel corso della sua vita. La principessa sviluppò un forte interesse per alcune cause tradizionalmente ignorate dal resto della Famiglia Reale, tra cui l’AIDS e la lebbra, instancabile operatrice benefica ed ha sempre visitato malati in tutto il mondo. Non meno importanti le sue campagne per la difesa degli animali, per la prevenzione dell’AIDS e contro l’uso delle armi. Nel 1988 divenne madrina della sezione giovani della Croce Rossa britannica, estendendo il suo coinvolgimento alle stesse organizzazioni in Australia e Canada.

Non sempre la vita premia i buoni, ed è forse anche per l’ingiustizia subita che molte donne tutt’oggi la amano e rispettano il suo ricordo.

Il 31 agosto 97’, Lady D morì a 36 anni in un incidente automobilistico sotto il tunnel del Post de l’Alma a Parigi e ci sono ancora molti dubbi sulle cause dell’incidente.

Che la vostra icona di riferimento sia legata al mondo della moda, della musica o della politica; tutte ne abbiamo una.

Per esempio… Nessuna di voi ha mai pensato quanto la fondatrice di questo blog sia una donna?

E… What a woman!

Possiamo dire, in definitiva, che Nicky Miss NC POP è a tutti gli effetti una musa.

Determinata, attiva, sportiva, bella, designer, blogger e quanto ancora?

La Wonder Woman combattiva, audace e determinata. Una wonder woman con le palle, ai tempi dei social e dei blog per comunicare idee e condividere l’arte.

Con questa domanda aperta, vi do l’appuntamento alle prossime riflessioni.

E, mi raccomando, state a casa, buona quarantena a tutti!

 

Miss Yaya

Condividi
No Comments

Post A Comment